Federico De Roberto, Il ciclo degli Uzeda

Con L’Illusione De Roberto ha ormai sondato le sue tendenze segrete, l’inchiesta sulla realtà progressivamente conosciuta gli esaspera la volontà di contrasto, il veleno leopardiano alimenta la vocazione alla denuncia dei retroscena. “Se tanti istinti, tanti moventi, tante idee si nascondono, si mascherano”, obiettivo sistematico di De Roberto, sgonfiatasi l’onda romantica, viene a essere per l’appunto lo smascheramento: con I Viceré egli conduce questa operazione di smascheramento, tacitando addirittura la materia amorosa, con una conversione dall’eros al tema del potere, scegliendo per sé una posizione registica eminente.